Galleria Cat - 021 - Parrocchia Sacro Cuore

Vai ai contenuti

Menu principale:

Galleria Cat - 021

Galleria Catechismo
 Parrocchia Sacro Cuore di Gesù
 
Ladispoli
 
 
Giornalino “TELENUNZIA”
 
 
 
INTERVISTA
 
Parrocchia
 

 
Ladispoli, 14 aprile 2018
 
 
LA REDAZIONE
 
Direttore Responsabile: Nunzia PAGNOTTA;
 
Giornalista redazione: Mattia FINOCCHIARO.
 
Sommario
 
 
 
Intervista a
 
Don Gianni RIGHETTI
 
Parroco della chiesa “Sacro Cuore di Gesù” di Ladispoli
 
 
 
 

 
Premessa
 

 


 
Noi ragazzi del gruppo di catechismo di Nunzia, entusiasmati dall’intervista dello scorso 07 aprile 2018 al direttore della “Caritas” parrocchiale, Luigi DEL SINDACO,  abbiamo pensato di ospitare in redazione Don Gianni RIGHETTI, nato a Verona l’1 febbraio 1957, parroco della chiesa “Sacro Cuore di Gesù” di Ladispoli per intervistarlo, il quale ha accettato l’invito e ci ha privilegiati della sua presenza. Nel corso della nostra intervista ha offerto degli spunti di riflessione sull’assoluta necessità della riscoperta della dottrina della Chiesa nei confronti dei giovani e sugli aspetti e valori dimenticati della territorialità. Uno figura lungimirante, dallo sguardo profondo che con il suo impegno costante e la sua maturazione vocazionale si è messo al servizio di Dio e di tutti i suoi figli, soprattutto di quelli più bisognosi e poveri. Le sue parole ci hanno riempito il cuore di gioia, rinforzando la  nostra fede cristiana.
 
 
Riportiamo, di seguito, alcune delle tante domande formulate a Don Gianni, ci scusiamo fin da adesso se per motivi di spazio giornalistico non abbiamo potuto accontentare tutti i nostri intervistatori.
 
 
Mattia: Quando ha pensato di diventare sacerdote?
 
Don Gianni: sono entrato nella famiglia ecclesiastica e quindi investito della mia dignità di sacerdote il 03 marzo 1984.
 
 
Mattia: Cosa significa essere parroco?
 
Don Gianni: significa prendersi cura degli altri, portare loro conforto e solidarietà.
 
 
Mattia: Come ha reagito la sua famiglia quando ha comunicato l’intenzione di diventare sacerdote?
 
Don Gianni: mia mamma fu contraria alla mia vocazione, mentre a mio padre trasmisi una così forte emozione che si mise a piangere dalla gioia.
 
 
Mattia: E gli amici, si sono dimostrati contenti, sorpresi o contrari alla decisione di diventare sacerdote?
 
Don Gianni: Diciamo che la reazione fu simile a quella dei miei genitori, alcuni furono contenti della mia scelta, altri si dimostrarono contrariati.
 
 
Mattia e Luca: Cosa rappresentano i colori dell’anno liturgico?
 
Don Gianni: VIOLA (attesa-Lutto); ROSSO (rappresenta i “Martiri”, coloro i quali hanno testimoniato la loro fede in Cristo anche a costo di essere perseguiti e sottoposti a pene corporali o peggio uccisi. Con questo colore si raffigurano, inoltre, I Santi e la Pentecoste); VERDE (simboleggia il tempo ordinario dell’anno liturgico); ORO-BIANCO (indica importanza e purezza).
 
 
Luca: Davanti all’altare ci si vergogna?
 
Don Gianni: Assolutamente no, invece lontano dall’altare si, perché ci si vergogna dei propri peccati.
 
 
Filippo: Quanti anni hai?
 
Don Gianni: Sono del 1957 ed ho 61 anni.
 
 
Filippo: Dove sei nato?
 
Don Gianni: sono nato a Verona e sono cresciuto sull’altopiano di Lessinia in un posto chiamato     Ceredo
 
 
 
 
Matteo e Filippo: Com’è non avere moglie e figli?
 
Don Gianni: E’ diverso, perché il loro posto viene colmato dagli amici.
 
 
 

 
 
Ringraziamo Don Gianni RIGHETTI per la sua disponibilità e gli auguriamo buon lavoro.
 
 
Redatto da Mattia , Luca, Matteo e Filippo e da tutti i compagni del gruppo di catechismo di Nunzia che hanno collaborato a questo evento.
 
 
Un ringraziamento particolare al nostro capo redattore Nunzia Pagnotta che ci ha guidato e consigliato per la perfetta riuscita dell’articolo.
 
                                     
 
Torna ai contenuti | Torna al menu