Articolo 015 Statua Sacro Cuore - Parrocchia Sacro Cuore

Vai ai contenuti

Menu principale:

Articolo 015 Statua Sacro Cuore

 
Questa notte (03 marzo 2019), persone non rispettose hanno infranto l'immagine del Sacro Cuore di via dei Fiordalisi, appena restaurata, scagliandola a terra all'incrocio con via dei Glicini.
Ho raccolto i cocci, le tante parti in cui è stato scomposto il corpo del Signore e le ho poste dinanzi al Santissimo. Il volto del Signore non è più riconoscibile, la parte degli occhi e del capo.
Pregheremo e digiuneremo alle Ceneri di mercoledì 6.
Più volte il Suo corpo, che siamo noi, finisce a terra scomposto, ma Lui è il Risorto e uno Spirito di vita sempre lo rianima.


=======================

Hanno preso un simbolo spirituale, siamo la comunità del cuore di Gesù, e l'hanno gettata a terra. L'immagine del Cristo che mostra il suo Amore, infranta. Carusazzi, direbbe Montalbano. Detto senza giudizio, anzi sarei contento di incontrare chi è stato, perchè penso che scoprirei il volto di una persona come altre. Oggi fatichiamo a riconoscere rispetto alla vita della gente, figuriamoci ai valori che si muovono nel cuore.
Il volto. La prima cosa che mi ha impressionato è che non trovavo più, tra i cocci raccolti, gli occhi di Gesù. il volto, si è sfigurato. Mi è venuto in mente subito che il Vangelo della domenica era proprio quello del cieco. Quello che pure ha gambe e forza per muoversi, ma siccome non sa dove andare resta fermo o finisce giusto a terra.
Il Vescovo Gino, che ringraziamo per la sensibilità di una presenza immediata alla Messa della sera, ha intuito bene il senso del gesto. Oggi è in gioco il volto di Cristo che siamo noi Chiesa. E' l'identità evangelica che tante volte è misconosciuta dall'indifferenza rispetto al fatto cristiano. possiamo domandarci quanto come credenti riusciamo ad esprimere il mistero dellAltro. Da questo vi riconosceranno, profetizzava il Maestro, se ci sarà Amore. Quale Corpo di Cristo rappresentiamo oggi, in questa terra di mare che è un crogiolo di culture e di genti, nella città complessa e plurale di cui comunque siamo storia e futuro?
Quasi profeticamente, pensavo contemplando i pezzi scomposti, all'inizio di questa Quaresima lo Spirito ci indica qual è il senso del cammino pasquale: è ricomporre il volto dell'Uomo. E' ridare forma a Colui che non si vede più, ma è presente ancora. E' soffermarsi sulle tracce rimaste di Lui, sui residui di una Bellezza che non viene meno. E' restaurare con pazienza non priva di fiducia, l'immagine convincente che ci ha attratto, quella del Cristo cui siamo andati dietro. E' riportare i poveri tratti del nostro volto spesso segnato di ferite come quello di questo povero Cristo, e scoprirne la Pienezza nascosta e convincente. E' con-formarsi al Suo modello, o come dicevo domenica, rispecchiarci nell'A-altro, non peggiore ma simile. non c'è pagliuzza, cui non corrisponda una trave da togliere.
Insieme con l'artista che l'aveva appena restaurata, sto provando ad assemblare le parti del Cristo caduto. Ringrazio l'Amministrazione, le Scuole e chi ha offerto solidarietà per rimettere al suo posto l'icona della Speranza dell'uomo. La chiamo così perchè via dei Fiordalisi è questo per me: gente che va, gente che viene, dalla stazione a casa e viceversa, ciascuno mosso da un desiderio, preoccupato da una situazione. tanti passando, facevano il segno della croce dinanzi a Gesù. A chi passa vorrei dire questo: che è come la Pasqua, tre giorni è sepolto, a terra, e poi viene ancora. Intanto sta a noi, rendere questa vita, il nostro mondo e la città degli uomini, una immagine ricomposta e non deturpata. sta a noi rimettere ogni volta insieme il Tutto, oltre le parti.

Il parroco Don Gianni  Righetti

Torna ai contenuti | Torna al menu